Sicilian Ghost Story

Porretta Cinema

REGIA E SCENEGGIATURA: Fabio Grassadonia, Antonio Piazza
SCENOGRAFIA: Marco Dentici
FOTOGRAFIA: Luca Bigazzi
MONTAGGIO: Cristiano Travaglioli
MUSICHE: Soap&Skin, Anton Spielmann
INTERPRETI: Julia Jedlikowska, Gaetano Fernandez, Corinne Musallari, Vincenzo Amato, Sabine Timoteo, Andrea Falzone, Federico Finocchiaro, Lorenzo Curcio, Filippo Luna, Nino Prester
PRODUZIONE: Indigo Films, Cristaldi Pictures, Mact Production
PAESE DI PRODUZIONE: Italia, Francia, Svizzera
DISTRIBUZIONE: BIM
ANNO: 2017
DURATA: 120 minuti

Giuseppe e Luna sono due giovani adolescenti che si piacciano e si frequentano dopo la scuola sebbene la famiglia di lei ostacoli la loro amicizia, soprattutto per l’estrazione sociale del ragazzo, proveniente da una famiglia mafiosa. Quando Giuseppe scompare, rapito per una vendetta contro il padre che inizia a collaborare con la giustizia, Luna non si arrende. Non si arrende alle regole di della società dove chi si ribella al malaffare diventa un infame, non si arrende all’omertà di chi vuole dimenticarlo, non si arrende alla realtà e si rifugia nell’onirico. I giorni della prigionia di Giuseppe passano inesorabili e vengono scanditi dai sogni di Luna decisa a scovare il suo rifugio e liberarlo. La dedica finale è chiara quanto esplicita e il riferimento è a Giuseppe Di Matteo, un caso di rapimento ben noto all’opinione pubblica italiana. Il film racconta la vicenda con la delicatezza e la dolcezza di una fiaba, che ci avvolge lievemente amplificando minuto dopo minuto il senso di oppressione per il destino inevitabile.

PREMI E RICONOSCIMENTI:
Ha aperto la Semaine de la Critique di Cannes 2017
Sicilian Ghost Story: Grassadonia e Piazza ricevono il premio a Park City nello Utah durante il Sundance Film Festival del 2016.

CURIOSITÀ:
Piazza e Grassadonia con il loro secondo lavoro, tornano a Cannes per aprire la Semaine de la Critique, la prima volta per un film italiano, dopo aver convinto, e vinto, nel 2013 con il loro film d’esordio Salvo.