INEDITA GIULIETTA

“Giulietta mi è parsa subito una misteriosa persona che richiamava una mia nostalgia di innocenza. Vi è una parte di incantesimi, magie, visioni, trasparenze la cui chiave è Giulietta. Mi prende per mano e mi porta in zone dove da solo non sarei mai arrivato… Il nostro primo incontro io non me lo ricordo, perché in realtà io sono nato il giorno in cui ho visto Giulietta per la prima volta” così dichiara Federico Fellini a proposito della sua compagna di vita e di cinema, Giulia Anna Masina. Il Festival del Cinema di Porretta Terme vuole celebrarla con una mostra fotografica.

In questa mostra, curata dal Centro Sperimentale di Cinematografia, che pesca dagli inestimabili tesori della fototeca della Cineteca Nazionale, c’è UNA foto in particolare che racchiude un destino, una vita, un’identità. Si tratta dell’immagine tratta da Ginger e Fred in cui Giulietta Masina e Marcello Mastroianni ricreano, in un modo un po’ malinconico e struggente, il mito di Fred Astaire e Ginger Rogers, i due più grandi e iconici ballerini che la storia del cinema abbia conosciuto. Pochi sanno che la Masina, da piccola, non sognava il cinema: sognava di fare la ballerina. Adorava danzare, ed era bravissima. Ginger e Fred è il SUO film, anche nell’inversione dei nomi, che rispetto alla leggenda permette per una volta a Ginger/ Giulietta/ Rogers di venire prima di Fred/ Marcello/ Astaire.

Luci del varietà (1950)

Lo sceicco bianco (1952)

Cento anni d’amore (1954)

La strada (1954)

Le notti di Cabiria (1957)

Nella città l’inferno (1959)

Giulietta degli Spiriti (1965)

Non stuzzicate la zanzara (1967)

Ginger e Fred (1985)